#9 Jerre Stead: 'Ho scelto di vedere la bellezza del mondo'

21/12/2018

Il Sesto Potere è la nuova rubrica dedicata agli influencer emergenti o già affermati. Ogni settimana un'intervista a un nuovo influencer. La nona puntata la dedichiamo a Jerre Stead.

'Il Sesto Potere' è la nostra rubrica dedicata agli influencer. Daremo loro la parola, ascoltando le loro storie e scoprendo il loro way of life. Perché in tanti vogliono diventarlo e perché l’influencer è tra le nuove professioni la più ambita. Il loro seguito, in alcuni casi, supera l’influenza dei capi di Stato. La californiana Kortney Kardashian con 67,3 milioni di followers ha più preferenze del numero dei voti che condussero Donald Trump nel 2016 alla carica di Presidente degli Stati Uniti d’America. L’italiana Chiara Ferragni, prima dei 15 milioni di followers su Instagram e una fama planetaria, era solo una bella ragazza bionda. Sono milionari, ma cosa fanno precisamente? Lo scopriremo, dando voce soprattutto ai travel blogger. E’ certo che la loro capacità di influenza è tale che i brand internazionali vi si affidano coprendoli d’oro. Dieci anni fa, le griffe si rivolgevano a televisioni e giornali, colonne del potere mediatico moderno. Adesso si affidano a loro. La televisione fu definita il quinto potere, ma allora sono gli influencer il sesto potere? Da questa domanda, nasce il titolo di questa rubrica. Ci saranno molti buoni consigli per chi ha orecchie attente. D’altra parte, sembra che a diventarlo basti poco: un profilo social, un po’ di pane e molta fantasia.

#9 Jerre Stead: 'Ho scelto di vedere la bellezza del mondo'

Jerre Stead è un fotografo, Jerre Stead è un sognatore. Basta sfogliare di sfuggita il suo profilo instagram (@jerre_stead) per rendersi conto che questo giovane influencer ha qualcosa in più dei soliti protagonisti del panorama social: ha una storia, un sogno, un messaggio da condividere. Attraverso la lente della sua macchina fotografica, il mondo diventa arte: la natura assorbe i colori delle stelle, il sole s’incontra con l’oceano e il cielo prende vita. Jerre Stead insegue tramonti, intraprende avventure in capo al mondo, affronta le vittorie con lo stesso sorriso con cui accetta le sconfitte, trova complessità nella semplicità, s’inventa e si riscopre ogni giorno, e in tutto questo ha deciso di condividere il suo viaggio, reale e interiore, con i suoi followers.
La nona edizione della nostra rubrica la dedichiamo a Jerre Stead per dimostrarvi che i social media possono ancora essere sinonimo di autenticità e che essere se stessi è sempre la mossa vincente.

Jerre Stead 1

Dalle tue fotografie esce vincente un solo, vero protagonista: il mondo. Qual è il messaggio, la visione che dà voce al tuo talento?

Voglio dimostrare a chi mi segue una sola cosa: si può trovare bellezza ovunque. Oltre l’incertezza e la confusione che ci circondano, c’è un mondo di meraviglia che ci aspetta a braccia aperte, basta lasciare tutto il resto alle spalle. Si tratta solo di fare una scelta: abbiamo la fortuna di essere padroni della nostra vita, sta a noi decidere come viverla. Io ho scelto di vedere la bellezza del mondo ed è grazie alla fotografia se oggi sono capace di esprimere la mia visione, senza paura né restrizioni.

Jerre Stead 2

Raccontaci allora come hai cominciato il viaggio che ti ha portato dietro la lente della macchina fotografica.

La storia di come sono diventato un fotografo è segnata da tragedia e, paradossalmente, bellezza. Anni fa, quando facevo parte del corpo dei Marines, ho subito un grave incidente che mi ha lasciato con una frattura al collo e una vita da ricominciare. I mesi di ricovero mi sembravano senza fine, fu uno dei periodi più difficili della mia vita. Fu solo quando presi la macchina fotografica in mano che le cose cominciarono a migliorare. In tutta onestà, la fotografia mi ha salvato, mi ha permesso di concentrarmi su un futuro più luminoso. Così oggi, quando a volte tutto si fa più difficile, ricordo la scelta che ho fatto di vivere in nome della positività e torno a osservare il mondo con occhi nuovi.

Jerre 3

Quindi possiamo dire che trai ispirazione da tutto ciò che ti circonda.

Certo, essere circondato da persone estremamente creative e spontanee come i miei amici, per esempio, è determinante per rimanere motivato e concentrato su ciò che amo. Tuttavia, più del mondo esterno, è alla mia dimensione interiore che devo i maggiori momenti di ispirazione.
Se non fosse per emozioni che vivo ogni giorno, positive o negative che siano, non credo avrei mai la capacità o l’energia di dare vita alle immagini nella mia mente. Lascio che siano i sentimenti a guidarmi e, di conseguenza, è proprio nei momenti più difficili che la voglia di creare si trasforma in un bisogno impellente, impossibile da ignorare. Il risultato? La realtà che veicolo con le mie fotografie rispecchia al 100% il mondo che ho dentro, senza filtri.

Jerre 4

Essere se stessi, sempre: credi sia questa la chiave del tuo successo?

Quello che so per certo è che vedo tante persone dimenticare i propri principi e fingere ciò che non sono, ma la strategia del “fake it till you make it” può portarti solo fino ad un certo punto. La realtà è che se non credi con tutto te stesso nel tuo stile di vita e nelle tue scelte, se non ami ciò che fai, prima o poi la maschera cade e tutto finisce.

Jerre 5

Eppure non deve essere facile offrire i tuoi lavori in pasto al giudizio del popolo dei social media.

Avere l’opportunità di far arrivare le mie fotografie sullo schermo di 95.000 persone in pochi minuti annulla ogni insicurezza e dubbio. Ricevo tantissimi messaggi da followers che mi raccontano come una mia fotografia li abbia aiutati a superare una giornata difficile con un sorriso. Avere il potere d’intrattenere e aiutare gli altri è ciò che alimenta la mia creatività. Senza dimenticare che Instagram nell’ultimo anno è diventato per me un vero trampolino di lancio verso nuove opportunità lavorative, che mi permettono di viaggiare il mondo come ho sempre sognato.

Jerre 6

Parlando di viaggio, hai mai visitato un luogo che si è rivelato completamente diverso da quello che ti immaginavi?

Non avevo assolutamente idea di cosa aspettarmi quando sono atterrato in Indonesia; oggi posso affermare che è senza dubbio il paese più bello del mondo. Quando poi mi sono spinto verso le isole ho anche scoperto l’incredibile gentilezza della gente del posto, Sulawesi e Bali in prima fila.

Noi ci facciamo promotori della cultura degli ostelli e sosteniamo l’idea di viaggio esperenziale a 360°. Cosa ne pensi degli ostelli?

Il vantaggio maggiore di soggiornare in un ostello è ritrovarti in un ambiente dove tutti hanno in comune la passione per il viaggio e sono pronti a condividere collettivamente nuove esperienze. Si tratta di un vero e proprio stile di vita!

Jerre 7

Per concludere, due parole sul futuro. Dove ti vedi tra dieci anni?

Dieci anni fa non avrei mai potuto dirti che oggi sarei stato qui, seduto in un resort alle Maldive a raccontare la mia esperienza sui social. Non so che cosa aspettarmi dal futuro, ma una cosa è certa: ho trovato la mia voce, il mio obiettivo, e non ho intenzione di cambiarlo.

Questa rubrica verrà tradotta nelle principali lingue tra le 26 del nostro blog. Se sei un influencer e vuoi raccontarci la tua storia scrivici, valuteremo la tua proposta e forse la prossima puntata de Il Sesto Potere parlerà di te!

IL SESTO POTERE: LE PUNTATE PRECEDENTI

episodi precedenti

2

3

Trova un alloggio lowcost

Gli ultimi articoli

Viaggio in Slovenia con lo zaino in spalla

Viaggio in Slovenia con lo zaino in spalla

Un itinerario che parte a Lubiana e arriva a Pirano, passando per Velika Planina, Bled e Postumia, alla scoperta della Slovenia più bella tra boschi, cascate, colline, castelli, villaggi tradizionali e molto altro! continua

Ostelli Roma: dove e come scegliere l’alloggio perfetto

Ostelli Roma: dove e come scegliere l’alloggio perfetto

Quale tra le centinaia di ostelli a Roma fa al caso mio? La nostra guida su dove alloggiare e come risparmiare nella Capitale continua

Oroscopo 2020 del Viaggiatore: lasciati guidare dalle stelle!

Oroscopo 2020 del Viaggiatore: lasciati guidare dalle stelle!

Scopri l’Oroscopo 2020 del viaggiatore firmato Hostelsclub: in quale pezzo di mondo ti troverai nel prossimo anno? Solo le stelle lo sanno! continua

Perché un viaggio è il regalo di Natale originale che stavi cercando

Perché un viaggio è il regalo di Natale originale che stavi cercando

Questo 25 dicembre non cadere nel banale: scegli un viaggio come regalo originale Natale per diventare il protagonista delle Feste! continua

Come fare amicizia negli ostelli durante i tuoi viaggi

Come fare amicizia negli ostelli durante i tuoi viaggi

Viaggiare da soli è fantastico, ma a volte è bello avere qualcuno al tuo fianco. Ecco perché in questo articolo abbiamo deciso di darti i nostri migliori consigli su come fare amicizia durante i tuoi viaggi. continua

I 10 migliori ostelli a Milano

I 10 migliori ostelli a Milano

Perché scegliere un ostello economico quando sei a Milano? E' facile! Perché ce ne sono per tutti i gusti e tutti gli stili...l'unica costante è il miglior rapporto qualità/prezzo e tanto, tanto divertimento! Eccoti quindi i 10 migliori ostelli a Milano! continua

Leggi altri articoli >