#16 Marc Nouss: 'E' importante distinguersi a fronte di ogni cliché'

Il Sesto Potere è la nuova rubrica dedicata agli influencer emergenti o già affermati. Ogni settimana un'intervista a un nuovo influencer. La quattordicesima puntata la dedichiamo a Marc Nouss, fotografo parigino.

Il Sesto Potere è la nostra rubrica dedicata agli influencers. Daremo loro la parola, ascoltando le loro storie e scoprendo il loro way of life. Perché in tanti vogliono diventarlo e perché l’influencer è tra le nuove professioni la più ambita. Il loro seguito, in alcuni casi, supera l’influenza dei capi di Stato. La californiana Kortney Kardashian con 67,3 milioni di followers ha più preferenze del numero dei voti che condussero Donald Trump nel 2016 alla carica di Presidente degli Stati Uniti d’America. L’italiana Chiara Ferragni, prima dei 15 milioni di followers su Instagram e una fama planetaria, era solo una bella ragazza bionda. Sono milionari, ma cosa fanno precisamente? Lo scopriremo, dando voce soprattutto ai travel blogger. E’ certo che la loro capacità di influenza è tale che i brand internazionali vi si affidano coprendoli d’oro. Dieci anni fa, le griffe si rivolgevano a televisioni e giornali, colonne del potere mediatico moderno. Adesso si affidano a loro. La televisione fu definita il quinto potere, ma allora sono gli influencers il sesto potere? Da questa domanda, nasce il titolo di questa rubrica. Ci saranno molti buoni consigli per chi ha orecchie attente. D’altra parte, sembra che a diventarlo basti poco: un profilo social, un po’ di pane e molta fantasia.

#16 Marc Nouss: "E' importante distinguersi a fronte di ogni cliché"

Marc Nouss è un influencer con il talento del fotografo. Di base a Parigi, è un giramondo in cerca dell'inaspettato. Il suo profilo è un diario dei molti viaggi che intraprende con la macchina in spalla. L'ultimo significativo a Chicago, ma anche un'avventura nel deserto dell'Arabia Saudita. Le sue foto sono il ritratto di grandi metropoli, soprattutto, paesaggi urbani e città storiche viste sempre con una passione glamour. E' una storia di talento per la fotografia. Ben prima del boom dei social, che poi cavalca da subito costruendo una community che lo porta ai primi ingaggi. Non panifica i dettagli dei suoi viaggi, precisa nell’intervista che segue, si lascia nelle mani delle cose come accadono e dei luoghi e degli incontri. “Cerco di mantenere la stessa scoperta del nuovo che avevo quando ho iniziato a condividere le mie foto”, ci racconta. E in questo ha la virtù di chi non molla.

1 (big)

@marc_nouss

Prima di tutto un fotografo.

Certo, sono un fotografo che condivide il suo lavoro attraverso i social. Condivido sia per raccontare i miei viaggi che per raccontare Parigi con l’idea di far conoscere il mondo ai miei followers.

Quale spirito anima la tua ricerca.

Cerco di mantenere la stessa freschezza e scoperta del nuovo che avevo quando ho iniziato a condividere le mie foto. Cosa che per me è cominciata prima dell’arrivo sulla scena degli influencers.

Però selfie o autoritratti che sembrano la via prediletta degli influencers nel tuo racconto sono rari.

Il mio obiettivo non è quello di apparire. Sono un fotografo abituato a essere dietro l’obiettivo. Mi interessa fotografare le persone che incontro, i luoghi che visito, quanto scopro o posso scoprire durante i miei viaggi.

2 (big)

@marc_nouss

Non credi possa interessare anche il tuo pubblico sapere più di te?

La natura umana è mossa dalla curiosità, ne sono certo, così di tanto in tanto qualche foto di me la pubblico.

Le foto come nascono?

A partire da ciò che vedo e dalle persone che incontro.

3 (big)

@marc_nouss

Quindi soprattutto dai tuoi viaggi, li pianifichi fin nei dettagli?

Nulla è pianificato in anticipo, mi lascio così ispirare da ciò che mi circonda.

Quando hai cominciato a usare i social?

Mi sono registrato su Instagram nel 2013, prima del boom degli influencers. Solo per il piacere di condividere le mie foto.

4 (big)

@marc_nouss

Quando Instagram ti ha davvero aiutato professionalmente?

A poco a poco la mia comunità è cresciuta, sono arrivate le prime richieste di collaborazione che mi proponevano viaggi inclusi. La maturazione professionale è avvenuta naturalmente. Nel 2018 ho trascorso 8 mesi viaggiando, tra diversi blog trip, press trip, foto di hotel e un paio di viaggi personali.

Una carriera che ti appassiona?

Non ho mi interessa una carriere da influencer, ma spero di continuare la mia attività di fotografo il più lungo possibile.

5 (big)

@marc_nouss

Quale pensi sia il segreto per avere un account Instagram che funzioni?

Pazienza. Non voler fare tutto subito. Soprattutto non riproporre il copia-incolla di ciò che è già stato fatto, visto e rivisto mille volte. E’ importante distinguersi, offrire più contenuti creativi.

Un'esperienza di viaggio che ti ha segnato?

Il mio ultimo viaggio a gennaio, in Arabia Saudita. I cliché hanno una pelle dura per questa destinazione, ma ho trascorso 5 giorni incredibili lì. Lontano da tutto ciò che può essere letto e ascoltato. Soprattutto nel deserto di Al-Ula, Mada'In Saleh, una specie di potenza Petra 100 !! È stato meraviglioso.

Questa rubrica verrà tradotta nelle principali lingue tra le 26 del nostro blog. Se sei un influencer e vuoi raccontarci la tua storia scrivici, valuteremo la tua proposta e forse la prossima puntata de Il Sesto Potere parlerà di te!

NOVITÀ: LA NEWSLETTER DE "IL SESTO POTERE"

Iscriviti subito alla newsletter di Hostelsclub e riceverai in omaggio una newsletter con tutte le puntate precedenti della rubrica e altri approfondimenti interessanti su viaggi, tendenze e lifestyle.

Iscriviti alla newsletter

IL SESTO POTERE: LE PUNTATE PRECEDENTI

Sesto Potere #11: Alice Cerea

Sesto Potere #10: Sebastian Scheichl

Sesto Potere #9: Jerre Stead